Tag Archivio per: cunha

L’isola fu scoperta dal navigatore portoghese Tristan da Cunha da cui ha preso il nome.

Quando ci si riferisce a Tristan da Cunha, si intende tutto l’arcipelago che comprende:

L’Isola Inaccessibile, L’Isola Nightingale, L’Isola Middle, L’Isola Stoltenhof e L’Isola Gough.

Solo nell’Isola di Tristan da Cunha si trova un piccolo insediamento umano.

Inabitata fino al 1819, ad oggi conta 297 abitanti e riportano gli stessi otto cognomi dei primi residenti: Glass, Swain, Green, Rogers, Hagan, Patterson, Lavarello e Repetto.

Gli abitanti di Tristan da Cunha non sono collegati con il resto del mondo, non hanno il cellulare e la televisione è arrivata solo negli anni Ottanta. Si trovarono costretti all’uso dei soldi per provvedere ai generi alimentari, che vengono importati dal Sudafrica.

La principale fonte di reddito viene dalla vendita di francobolli con il timbro dell’isola che sono richiestissimi dai collezionisti e dalla vendita delle aragoste, considerate tra le più buone del mondo.

In questa isola non esiste criminalità, le porte non hanno chiavi né allarmi né chiusure.

Essendo l’isola più isolata del mondo non è semplice arrivarci:

Occorre prendere un volo per Città del Capo, Sudafrica, successivamente l’ultimo tratto è percorribile esclusivamente via mare, ma non rientra su rotte turistiche o commerciali. Infatti questo tratto è raggiungibile solo pochi mesi all’anno per via dei forti venti. Le navi che partono per Tristan da Cunha sono mercantili, possono imbarcare un massimo di 12 passeggeri e partono una volta a settimana.

Sono la MFV Edinburgh o la MV Baltic Trader, e il biglietto costa circa 500 dollari a tratta, ma non è sufficiente recarsi e imbarcarsi, occorre seguire il protocollo che trovate qui:

Tristan da Cunha Organising a Visit (tristandc.com).

Questa isola oltre che da vedere, è da vivere.

Si possono visitare:

  • La gita sulla cima del vulcano con vista sconfinata sull’oceano intorno;
  • La fattoria del pesce, dove vengono lavorate le aragoste e le coltivazioni di patate;
  • L’unico bar presente – l’Albatross.
  • Centro pubblico che occasionalmente serve cibo – Il Prince Phillip Hall;
  • Tourist Center, dove si possono acquistare i famosi francobolli e oggetti artigianali.

 

Avete presente quelle volte che pensate di voler staccare da tutto e da tutti?

Questo è il luogo che vi prende alla lettera!

Visitatori:1218
Totali: 130170